Lo Yo-yo Intermittent recovery test (YYIRT) è un test da campo incrementale massimale, sviluppato da Bangsbo: consiste nell’eseguire delle corse a navetta sui 20m con un recupero di 10-s (2x5m).
Questo test è un’evoluzione del test di Legèr, il quale è caratterizzato sempre da corse a navetta a velocità crescente, ma in cui non è prevista l’attività di recupero.
L’obiettivo dell’ YYIRT è quello di misurare l’abilità del calciatore di riprodurre corse ad alta intensità (2x20m a navetta a velocità crescente), e di migliorare la velocità di recupero (2x5m a navetta utilizzati come attività di recupero).
Questo test valuta la fitness aerobica e anaerobica, ed in particolar modo la potenza aerobica (VO2 max), ossia la massima quantità di ossigeno utilizzabile nell’unità di tempo.


Questo test si addice molto al gioco del calcio, poiché riesce a riprodurre corse intermittenti massimali, in accordo con il modello prestativo del calciatore.
Lo YYIRT può essere eseguito in due diversi livelli: lo Yo- Yo intermittent recovery test livello 1(YYIR1) e lo Yo- Yo intermittent recovery test livello 2 (YYIR2).
La differenza fra questi due livelli è la velocità iniziale; nello YYIR1 questa corrisponde a 10-13Km/hm, con un incremento di 0.5 Km/h ad ogni step.
Nello YYIR2 la velocità iniziale è di 13-15Km/h con un incremento di 0.5Km/h ad ogni step.

Esistono altre due varianti del test: lo Yo-Yo Intermittent Endurance livello 1 con velocità iniziale di 8 km/h ed livello 2 con velocità iniziale di 11.5 Km/h.
In queste due varianti, la distanza di recupero è di 2.5m mentre la velocità in ogni step incrementa di 0.25 Km/h
Nei test descritti, il tempo e la velocità di percorrenza sono scanditi da un device acustico che detta il ritmo di corsa all’atleta; e il test si può dichiarare concluso se gli atleti non arrivano alla linea di arrivo; oppure se non completano la successiva corsa a navetta. (B. Schmitz et. all,The Yo-Yo Intermittent Tests: A Systematic Review and Structured Compendium of Test Results).

Di seguito possiamo vedere il protocollo di entrambi i test:

Protocollo yo-yo intermittent recovery test livello 1

AEROBIC FITNESS AND YO-YO CONTINUOUS AND INTERMITTENT TESTS PERFORMANCES IN SOCCER PLAYERS: A CORRELATION STUDY, 2006

Protocollo yo-yo endurance test livello 2

AEROBIC FITNESS AND YO-YO CONTINUOUS AND INTERMITTENT TESTS PERFORMANCES IN SOCCER PLAYERS: A CORRELATION STUDY, 2006

Validità e ripetibilità dei test YoYo

Uno studio condotto da Castagna et coll (2018) ha voluto analizzare la correlazione fra lo YYIRTL1 e YYETL2, oltre ai parametri fisiologici di VO2 max e la soglia ventilatoria (VT), portando inoltre un contributo notevole.
Lo studio ha rilevato infatti che solo YYETL2 è significativamente correlato al VO2max nei calciatori, ed è maggiormente influenzato dalle componenti sub massimali della capacità aerobia.

Tuttavia, dallo studio si evince come YYIRTL1 è influenzato dalla forza esplosiva, e questo porta a definire una forte correlazione con il modello prestativo del calciatore. Quest’ultimo infatti è caratterizzato, da corse ad alta intensità, cambi di direzione e tackle, o comunque azioni che richiedono forza esplosiva, potenza ed intervento di fattori neuromuscolari.

Altri studi precedenti, avevano dimostrato come la diversa performance di salto verticale, porta a discriminare il livello competitivo dei calciatori.
Quindi successivamente è stata analizzata la correlazione fra YYIRTL1 e la performance di salto verticale (CMPP), suggerendo che il livello di potenza massima durante le rapide contrazioni di azioni di allungamento e accorciamento muscolare, influisce positivamente sulla performance dello YYIRT1 ad alta intensità.


Children’s Yo-Yo test (YYIR1C)

Un paragrafo a parte merita il Children’s Yo-Yo test (YYIR1C), ossia una variante del Yo-Yo intermittent recovery test livello 1, adatto ai ragazzi di età compresa fra gli 8 e gli 11 anni, per i quali YYIRT1 può essere di un’intensità e difficoltà troppo elevata.
Questa variante, è basata sulla medesima traccia audio del YYIRT1, ma con distanze molto più piccole.
Come possiamo vedere dall’ immagine sottostante, la distanza di recupero è di 4m da ricoprire in 10s; e la distanza dello sprint è di 16m.

Questo test può essere considerato una valida alternativa, in quanto è stato dimostrato che ha la stessa validità di costrutto per la stima del VO2 max, soprattutto in questa particolare categoria di atleti (T.Ahler e coll.2012).
Questo test può andare a selezionare il talento calcistico, poiché un alto valore nel test indica che l’atleta ha un alto valore di VO2 max e può produrre corse e sprint ad alta intensità, e dunque soddisfare le esigenze fisiologiche del modello prestativo del gioco del calcio.


Conclusioni

Nel calcio moderno l’esecuzione dei test e la conseguente analisi dei dati, è diventata sempre più importante, perché la priorità dello staff è quella conoscere le doti atletiche e fisiche dei calciatori.
Quando si eseguono dei test, dobbiamo sempre tener di conto del modello prestativo, in modo che il test effettuato si sposi con il contesto sportivo.
Dal punto di vista dei test aerobici da campo, come analizzato in questo articolo, lo yo-yo test risulta essere un valido strumento.


Ne riassumo le caratteristiche salienti:
YYETL2, è maggiormente correlato con il VO2 max, infatti ha una velocità iniziale elevata così come la durata del test.
YYIRT1, è maggiormente correlo con la potenza e con l’aspetto neuromuscolare, e quindi sembra essere più legato al modello prestativo del calcio, poiché durante una partita, il giocatore è sottoposto a diversi stimoli di forza (es. tackle, salti, cambi di direzione ecc.).
YYIR1C, è più adatto ai giovani calciatori con età compresa fra gli 8 e gli 11 anni, in quanto costruito su distanze minori e avente una minor intensità.

Credit image: https://s11.gr/en/testing/field-evaluation/2.the-10-beep-test-tips-to-help-you-go-further/

Filippo Paoli

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: