L’Infortunio del calciatore: La lesione del legamento crociato anteriore (parte 1)

L’Infortunio del calciatore: La lesione del legamento crociato anteriore (parte 1)

13 Aprile 2020 0 Di Rosario Montaperto

La biomeccanica del ginocchio e la prevenzione dell’infortunio

Secondo le statistiche riguardanti tutti i calciatori, dopo la coscia, è sicuramente quella del ginocchio, la parte del corpo a subire i maggiori infortuni. Ma mentre le lesioni al legamento crociato anteriore (LCA) rappresentano meno dell’1% delle lesioni in generale, il loro impatto sulla carriera dei giocatori è molto più significativo, e per questo motivo infatti, risulta fondamentale studiare attentamente il decorso di questo infortunio.

Dunque gli aspetti principali su cui focalizzarsi sono certamente quello della prevenzione, quello dell’eventuale riabilitazione dopo la lesione, e quello del trattamento chirurgico.
Nelle prossime settimane svilupperemo una serie di approfondimenti, che analizzano nello specifico i singoli aspetti appena citati. Nello specifico in questo primo articolo andremo a definire genericamente la lesione del LCA, la biomeccanica del ginocchio e la prevenzione della lesione.

La Biomeccanica del ginocchio

I legamenti di questa articolazione forniscono le forze stabilizzanti per i movimenti accessori del ginocchio, ed in particolare, le funzioni svolte dal LCA sono:

  • Stabilità sul piano sagittale e frontale
  • Controllo dell’iperestensione
  • Rotazione esterna automatica in estensione
  • Meccanismo di rotolamento-scivolamento
  • Propriocezione
Movimenti accessori del ginocchio:
A Durante l’estensione del femore sulla tibia i condili
femorali rotolano in avanti e scorrono indietro.

B Durante l’estensione della tibia sul femore
il piatto tibiale rotola in avanti e trasla nella stessa direzione.(1)

La stabilità del ginocchio sul piano sagittale, non è garantita solamente dal LCA, ma anche dalla stabilità attiva di alcuni gruppi muscolari come il quadricipite, gli ischio-crurali ed i gemelli, oltre che dagli elementi capsulo fibrosi. Tutto ciò ci fa riflettere sull’importanza della funzionalità attiva di questi gruppi muscolari in termini di prevenzione.

La Prevenzione

Come ormai noto, la rottura del LCA è un infortunio che dipende da una serie di fattori, e per questo motivo la prevenzione della lesione dovrebbe comprenderli tutti.
Come suggerito infatti dalla National Athletic Trainers Association, i programmi di allenamento per la prevenzione delle lesioni multicomponente, sono raccomandati per ridurre le lesioni LCA senza contatto e per contatto indiretto. Quest’ultimi sono inoltre fortemente consigliati per ridurre le lesioni al ginocchio senza contatto e per contatto indiretto, soprattutto durante l’attività fisica. 

I programmi sono altresì proposti per migliorare l’equilibrio, la biomeccanica degli arti inferiori, l’attivazione muscolare, le prestazioni funzionali, la forza e la potenza, nonché per ridurre le forze di impatto in atterraggio.
A tal proposito infatti un programma di formazione sulla prevenzione degli infortuni multicomponente, dovrebbe fornire specifici feedback sulla tecnica di movimento nelle seguenti categorie di esercizi: forza, pliometria, agilità, equilibrio e flessibilità.(2)

In questi termini la FIFA ha ideato un programma di riscaldamento e prevenzione degli infortuni chiamato FIFA11+, il quale, secondo gli studi effettuati, ha dimostrato di ridurre del 30% tutti gli infortuni nel calcio, inclusi quelli riguardanti il LCA.
Di seguito proponiamo un approfondimento del suddetto programma a cura del Prof. Umberto Giacone:

BIBLIOGRAFIA E IMMAGINI

(1) Movimenti accessori del ginocchio. 31 gennaio 2017; Available at: lascienzainpalestra.it

(2) Padua DA1, DiStefano LJ2, Hewett TE3. National Athletic Trainers’ Association Position Statement: Prevention of Anterior Cruciate Ligament Injury. 2018

Credit Image: www.mititalia.it

Rosario Montaperto